Efficienza energetica: l’importanza della Direzione Lavori

Sulla nostra pagina Facebook, stiamo pubblicando regolarmente immagini del nostro cantiere di Cavriago, che prevede la realizzazione di due Case Passive.

Con questo articolo, vogliamo mostrare due esempi dei tanti errori di esecuzione che possono avvenire durante il corso dei lavori anche nel caso l’impresa sia disponibile e molto precisa, motivo per il quale un’attenta Direzione Lavori è essenziale per raggiungere l’efficienza energetica e la qualità dal risultato di progetto.

In particolare, il nodo costruttivo è l’attacco a terra di fondazione: la struttura dell’edificio poggia su una platea in calcestruzzo, realizzata al di sopra di uno strato di ghiaia di vetro cellulare con funzione di drenaggio ed isolamento termico. Perimetralmente, la platea è isolata con un pannello di vetro cellulare.

Isolamento controterra casa passiva

Una foto dell’attacco a terra: la platea di calcestruzzo poggia su ghiaia di vetro cellulare (a sinistra), ed è isolata perimetralmente da pannelli di vetro cellulare.

Nodo costruttivo a regola d'arte - aree

Dettaglio del nodo eseguito a regola d’arte.

Nodo costruttivo a regola d'arte - flusso termico

Il flusso termico nel nodo a regola d’arte.

Nodo a regola d'arte - isoterme

L’andamento delle temperature per il nodo realizzato a regola d’arte.

Al di là di quelli che possono essere i calcoli ed i dettagli costruttivi, non si può pensare di affidare l’esecuzione di nodi così importanti dell’involucro termico all’impresa esecutrice, senza un controllo del lavoro eseguito.

Nel caso del cantiere di Cavriago, il lavoro è stato eseguito molto bene, con l’uso di un tessuto non tessuto (in bianco, nella foto) per separare il getto di calcestruzzo dal vespaio di vetro cellulare.

Platea calda su vetro cellulare

Il nodo realizzato a regola d’arte, prima della posa del pannello di vetro cellulare in verticale.

PROBLEMA 1: FUORIUSCITA DI CALCESTRUZZO

In alcuni (pochi) punti, il calcestruzzo è fuoriuscito dal di sotto del cassero di fondazione, come si può vedere dalla foto.

Fuoriuscita di calcestruzzo dal cassero.

Fuoriuscita di calcestruzzo dal di sotto del cassero, con penetrazione nel vespaio di vetro cellulare.

Si tratta senza dubbio di un ponte termico. E’ un difetto grave? Dipende. Se state realizzando una Casa Passiva, questi sono dettagli che fanno la differenza.

Abbiamo calcolato l’effetto di questo ponte termico agli elementi finiti:

Il nodo con la fuoriuscita di calcestruzzo dal cassero.

Il nodo con la fuoriuscita di calcestruzzo al di sotto del cassero.

Flusso termico per fuoriuscita di calcestruzzo.

Il flusso termico in corrispondenza del calcestruzzo fuoriuscito.

Isoterme con calcestruzzo fuoiuscito dal cassero.

L’andamento delle temperature interne in seguito al difetto costruttivo.

A conti fatti, le (poche) fuoriuscite di calcestruzzo al di sotto del cassero, come illustrato in queste immagini, comporterebbero un aumento di flusso di calore del 4,2 % rispetto al nodo realizzato a regola d’arte: sull’intero edificio, questo farebbe aumentare il fabbisogno termico dell’intero edificio pari dell’1,0%. E’ tanto?E’ poco? Per un edificio passivo, è tantissimo. Questo è l’ennesima dimostrazione di come la certificazione energetica regionale non garantisca la qualità del’edificio.

Dal punto di vista del comfort, invece, questo difetto, se puntuale (non continuo per l’intera lunghezza della fondazione), non ha grandi ricadute dal punto di vista delle temperature superficiali interne.

PROBLEMA 2: FORI PER BARRE DI RIPRESA

Un secondo potenziale difetto costruttivo è rappresentato dal taglio del pannello isolante per il passaggio delle barre d’armatura. Il problema non è tanto rappresentato dal ferro, quanto dallo spazio vuoto lasciato tra le barre, e come questo viene riempito in cantiere.

In questo caso, stiamo parlando di un taglio alto 3 cm: sommando i tagli lungo tutto l’isolante perimetrale di fondazione, lo sviluppo totale di questo ponte termico arriva a 7,20 m.

Foro del pannello per il passaggio delle barre d'armatura.

Immagine del nodo costruttivo, con il pannello isolante forato per il passaggio delle barre di armatura.

Anche in questo caso, abbiamo voluto simulare il caso in cui questo nodo dovesse essere lasciato alle dinamiche standard di un cantiere tradizionale, con il riempimento di questo taglio eseguito con calcestruzzo.

Riempimento del taglio del pannello isolante con calcestruzzo.

Dettaglio del nodo, con il taglio riempito con calcestruzzo.

Flusso termico del taglio riempito con calcestruzzo.

Il flusso termico dato da un taglio di 3 cm del pannello isolante, riempito con calcestruzzo.

Isoterme per il taglio riempito con calcestruzzo.

L’andamento delle temperature nel caso del taglio riempito con calcestruzzo.

Se non venisse evitato, questo ponte termico farebbe aumentare il flusso termico di questo nodo di un 4,6%, con un peggioramento complessivo dell’edificio pari all’1,6%. Sono dettagli che sembrano banali, ma che non possiamo permetterici di perdere di vista.

CONCLUSIONI

All’aumentare dell’efficienza energetica deve aumentare anche la qualità di realizzazione, che dipende in primo luogo dalla qualità del progetto generale e dalla Direzione Lavori.

In una sola giornata di cantiere, si è corso il rischio di peggiorare di un 2,6% l’efficienza dell’edificio realizzato rispetto a quanto progettato, e siamo solo alle fondazioni.

Questa non è affatto colpa dell’impresa: costruire bene è un processo complesso. Tra Committenza, Direzione Lavori e Imprese e deve esserci un gioco di squadra, e chi dirige deve essere presente e competente, per saper valutare e affrontare questo tipo di problematiche.

Eliminazione del calcestruzzo fuoriuscito dal cassero.

Sulla sponda, a destra, i grumi di calcestruzzo fuoriuscito dal cassero mescolatosi con la ghiaia di vetro cellulare, rimossi per eliminare il ponte termico.

Il nodo eseguito.

I tagli inferiori riempiti di schiuma isolante impermeabile, prima dell’esecuzione del getto di calcestruzzo. In un secondo momento, verranno riempiti allo stesso modo anche i tagli superiori.

10 responses to Efficienza energetica: l’importanza della Direzione Lavori

  1. Enrico C

    Ciao Enrico, sempre interessanti i tuoi articoli, come sempre.
    Ancora non mi è chiaro però il ruolo di quei pozzetti in centro fondazione (li avevi postati su FB e qui non compaiono..ma effettivamente parli di un altro concetto)
    Ancora complimenti.

    Mi piace

      • Enrico C

        Hai ragione! E me ne sono accorto subito dopo aver inviato il commento ed andando a rivedere le foto. In effetti sotto hanno ghiaia e non vetro cellulare..

        Liked by 1 persona

  2. La Casa Passiva di Andrew Michler | Emu Architetti

    […] Il raggiungimento di questo livello di efficienza energetica e di comfort non dipende dal tipo di struttura (in questo caso, a telaio in legno), quanto dall’aver seguito attentamente il protocollo di progettazione di una Casa Passiva, e di aver eseguito i lavori a regola d’arte. […]

    Mi piace

  3. Mattia

    Buongiorno, articolo molto interessante e ben spiegato.
    Vorrei un chiarimento, se fosse possibile, in merito alla realizzazione della platea su vetrocellulare.
    Quanti centimetri di vetro cellulare costipato sono stati posati?
    È stato realizzato un getto di magrone?
    Se si per quale motivo?
    Di solito la casseratura di una platea viene ancorata su uno strato di magrone, vedo dalle vostre foto invece che i casseri sono ancorati direttamente sul vetro cellulare con delle barre di ferro.
    Il vetro cellulare è in grado di fornire un adeguato fissaggio della casseratura della platea?

    Cordiali saluti

    Mi piace

    • Enrico Bonilauri Post Author

      Buongiorno Mattia, lo spessore finito del vetro cellulare, nel caso illustrato, è di 20 cm. Le barre di ancoraggio (tondini) che assorbono la spinta del calcestruzzo durante il getto sono fissate nel terreno sottostante, dato che il vetro cellulare non è in grado di sostenere questa spinta.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: