Un esempio disastroso: come sostituire solo i serramenti può causare muffa

Una immagine può più di mille parole.

In altri articoli, spieghiamo perché la riqualificazione energetica vada affrontata in modo completo, per evitare di investire un capitale considerevole e portarsi in casa problemi gravi.

Ora, con questo articolo, vogliamo commentare le immagini drammatiche di un intervento di “riqualificazione” carente, svolto da altri, dove sono stati soltanto sostituiti i serramenti esterni dell’abitazione. Le foto sono state scattate dal nostro amico e collega Damiano Chiarini.

Prima dell’intervento, questa casa non aveva problemi di muffa: erano presenti vecchi serramenti, che probabilmente erano tutt’altro che a tenuta, e lasciavano passare una notevole quantità d’aria fredda.

L’intervento di riqualificazione – evidentemente incompleto – ha visto la sola sostituzione dei serramenti, senza interventi sull’involucro termico o sulla ventilazione.

Il risultato è drammatico: muffa attorno ai serramenti, sulle pareti, sul soffitto. L’involucro termico di questa abitazione è talmente scadente che non solo si riescono ad individuare facilmente i travetti in calcestruzzo del soffitto, ma si vedono chiaramente anche i letti di malta tra i blocchi di laterizio delle pareti. Sembra di osservare la casa ai raggi infrarossi.

In un articolo specifico, dedicato ai problemi di muffa e condensa superficiale, abbiamo illustrato le cause di questo fenomeno.

Muffa dappertutto: di chi è la colpa?

Gli abitanti? Forse. E’ forse colpa di chi abita in questo appartamento, che ha montato delle finestre nuove, e che ora non le apre mai per dare aria alla casa? Se manca un impianto di ventilazione meccanica controllata, allora chi vi abita è colpevole di non aprire a sufficienza le finestre.

Il serramentista? Ha forse colpa il serramentista, per aver installato troppo ermeticamente le nuove finestre? No: le finestre vanno montate a tenuta, senza spifferi. La domanda giusta, piuttosto, è questa: il serramentista sapeva o non sapeva, che la sola sostituzione delle finestre avrebbe causato questo problema? E’ forse la prima volta che sostituisce dei serramenti vecchi? O forse ha voluto fare il lavoro ad ogni costo, senza informare il cliente delle conseguenze?

E’ stato coinvolto un progettista, un tecnico? E’ stato coinvolto, e si è dimostrato incompetente? Oppure non è stato interpellato nessuno, per risparmiare un costo ritenuto “in più”?

E infine: ha colpa lo Stato Italiano, per concedere detrazioni fiscali anche per interventi carenti e parziali, come questo, che comportano questo tipo di conseguenze?

Il risparmio energetico?

Con ogni probabilità, il proprietario potrà godere del risparmio energetico, che di per sé non risente del problema della muffa. Serramenti più performanti e meno spifferi: la bolletta energetica sarà probabilmente meno cara che con i serramenti vecchi.

Ancora una volta, vogliamo sottolineare la differenza profonda che divide il risparmio energetico dal comfort: in un nostro articolo, per esempio, abbiamo avuto modo di descrivere come il solo certificato energetico regionale non garantisce la qualità reale di un fabbricato.

Conseguente sulla salute?

La presenza di muffa, specialmente in situazioni così estreme, porta a patologie dell’apparato respiratorio, con effetti gravi specialmente in mancanza di ventilazione degli ambienti della casa. Del resto, se l’abitazione avesse avuto sufficiente ventilazione, la muffa non sarebbe comparsa.

I muri dovrebbero “respirare”?

Una certa quantità di vapore acqueo riesce effettivamente ad essere smaltita attraverso le pareti, anche nel caso dell’abitazione di queste immagini. Tuttavia, come avremo modo di illustrare in un articolo dedicato, anche le pareti più traspiranti del mondo non sarebbero insufficienti per smaltire il vapore acqueo prodotto ogni giorno in una abitazione, e non sarebbero quindi in grado di sostituire la ventilazione per questo scopo.

Montare i serramenti “con lo spiffero”?

Questa non-soluzione viene purtroppo proposta ancora da tanti tecnici ignoranti – perdonate la franchezza – ma non porta da nessuna parte.

Che senso ha investire denaro per rimuovere una finestra vecchia, per poi acquistarne una nuova migliore, ed installarla male di proposito? Perchè si devono spendere soldi, e rinunciare al comfort e al risparmio energetico perchè – per paura della muffa – si accetta di riempirsi la casa di aria fredda? Non è forse meglio tenersi i serramenti vecchi, e i propri soldi?

Risolvere il problema della muffa:

A costo di venire accusati di voler difendere la casta dei tecnici, in questo caso occorre consultare un progettista competente, in grado di prevedere un intervento completo sull’involucro termico, risolvere i ponti termici, e garantire una soluzione mirata al salute e comfort.

Continuare ad intervenire per tentativi parziali – ad esempio aggiungere il solo cappotto termico – non garantisce l’eliminazione della muffa. 

Una riqualificazione energetica corretta è costituita da un insieme di interventi che vanno concepiti e bilanciati, con una visione globale chiara e coerente. Se ciò non viene fatto, le conseguenze sono esattamente quelle testimoniate da queste immagini.

8 responses to Un esempio disastroso: come sostituire solo i serramenti può causare muffa

  1. “M’illumino di meno”: una riflessione | Emu Architetti

    […] Ci teniamo a sottolineare che l’esempio dell’isolamento di un singolo metro quadro di parete esterna va inteso solo a titolo di esempio: gli interventi di riqualificazione energetica vanno affrontati caso per caso, in base alle specifiche esigenze delle persone e degli edifici. Interventi di risanamento energetico (isolamento, sostituzione di serramenti esterni ecc.), possono portare anche notevoli altri benefici oltre al risparmio energetico, ma se non sono analizzati correttamente, possono anche trasformarsi in disastri. […]

    Mi piace

  2. Quanto costa un ponte termico? | Emu Architetti

    […] In un nostro precedente articolo, abbiamo illustrato cos’è un ponte termico nell’involucro termico di una abitazione. Abbiamo avuto anche modo di mostrare come occorra valutare con attenzione gli interventi di riqualificazione, per evitare risultati disastrosi. […]

    Mi piace

  3. daniele

    Buongiorno, molto interessante l’argomento anche se inquietante. Ho appena acquistato un appartamento all’ultimo piano di un palazzo anni ’70 e mi accingo a ristrutturarlo con sostituzione degli infissi esterni. Temo che il problema muffa mi si possa effettivamente presentare ma non posso imporre al condominio un cappotto esterno (da poco sono state sistemate le facciate ma senza interventi “termici”), Come posso procedere? Pensavo ad un trattamento delle pareti interne con pitture termiche antimuffa di qualità per prevenire il problema. Sono un illuso?
    Grazie per una risposta

    Mi piace

    • Enrico Bonilauri Post Author

      Buongiorno Daniele, vista la serietà della situazione, occorre valutare il caso specifico, in modo dettagliato. Spero che tu faccia intervenire un tecnico competente, e che non ti fidi soltanto del serramentista e del ferramenta di turno (senza voler offendere).

      In merito alle vernici termiche, la nostra opinione è che i valori dichiarati siano di gran lunga più ottimistici dei risultati reali. Noi non le usiamo mai nei nostri progetti.

      Mi piace

  4. La Casa Passiva di Andrew Michler | Emu Architetti

    […] Come ogni altro componente dell’involucro, la performance energetica dei serramenti dipende dal clima locale: se nel caso del Colorado sono necessari i tripli vetri, in buona parte del sud Italia possono essere sufficienti i doppi vetri. Quello che importa è garantire il comfort all’interno dell’edificio, e l’assenza di muffa o condensa. […]

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: