Cos’è un “ponte termico”?

Riqualificazione energetica e ristrutturazione per Casa Passiva - Ponte termico risolto - isotermeNei nostri articoli, per parlare di Case Passive, comfort termoigrometrico e efficienza energetica, citiamo spesso i “ponti termici”.

Illustriamo qui brevemente di cosa si tratta.

Un ponte termico è una zona locale dell’involucro termico in cui sia presente una discontinutà (data dalla geometria delle strutture o dai materiali), tale per cui il flusso di calore tra interno ed esterno è diverso – in genere maggiore – rispetto al resto delle strutture.

Sono quindi ponti termici gli elementi strutturali presenti nell’involucro, specialmente se passano gli strati isolanti. Sono inoltre ponti termici geometrici gli stessi spigoli dell’involucro termico di un edificio.

Dal punto di vista dell’energia,

un ponte termico comporta in genere maggiori dispersioni di calore, e occorre tenerne conto nel calcolo del fabbisogno energetico complessivo dell’edificio. Il calcolo del maggiore flusso di calore va eseguito con software di calcolo agli elementi finiti, validati secondo la UNI EN ISO 10211, anche se la maggior parte dei tecnici non approfondisce il progetto dell’involucro termico fino a questo livello (limitandosi alla vecchia e superata norma UNI EN 14683 o ad abaci di ponti termici precalcolati).

Dal punto di vista del comfort,

invece, questi punti deboli comportano delle temperature più basse rispetto alle superfici interne degli elementi dell’involucro (pareti, tetto ecc.): situazioni di questo tipo causano discomfort (“sento freddo”), e possono portare alla formazione di muffe e condensa. Per questo motivo, specialmente nel caso di ristrutturazioni o riqualificazioni energetiche, è necessario sviluppare questi dettagli costruttivi con software di calcolo agli elementi finiti, validati secondo la UNI EN ISO 13788, per avere la garanzia che tutti i ponti termici vengano risolti ai fini del comfort (“non sento freddo” e “non ho muffa”).

Per la progettazione di edifici di alta qualità e comfort, come le Case Passive, è fondamentale progettare in modo da eliminare tutti i ponti termici dati dalle discontinuità dei materiali. Per quanto riguarda i ponti termici geometrici, sebbene non sia pensabile di eliminare tutti gli spigoli di un fabbricato (a meno che non vogliate una casa a forma di sfera), certo è che occorre prediligere forme semplici per l’involucro termico.

Un edificio compatto non solo ha meno ponti termici geometrici, ma risulta anche migliore dal punto di vista antisismico e più economico da costruire.

Nel caso di una ristrutturazione o riqualificazione energetica, può non essere possibile eliminare completamente i ponti termici strutturali e geometrici: occorre allora progettare in modo tale da garantire il comfort, garantendo una temperatura interna omogenea, e minimizzare le dispersioni di calore.

20 responses to Cos’è un “ponte termico”?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: